Documento U.E. 26 maggio 1993
ALLEGATO II (Fascicolo con le caratteristiche del cantiere)
I. Introduzione

Il coordinatore designato dal committente, nella fase di allestimento del cantiere è tenuto ad approntare un fascicolo in cui vanno registrate le caratteristiche dell'opera e gli elementi utili in materia di sicurezza e di igiene da prendere in considerazione all'atto di eventuali lavori successivi.

In altre parole, oltre al registro del cantiere, soggetto ad un aggiornamento permanente, vanno precisate la natura e le modalità di esecuzione di eventuali lavori successivi all'interno o in prossimità dell'area del cantiere, senza peraltro pregiudicare la sicurezza dei lavoratori ivi operanti. In senso lato si tratta quindi di un piano per la tutela della sicurezza e dell'igiene, specifica ai lavori di manutenzione e di riparazione dell'opera, purchè tali lavori non facciano parte dell'elenco dei "lavori autonomi" concomitanti alla fase di apertura di un cantiere. Il "fascicolo con le caratteristiche dell'opera" (denominato nel testo "fascicolo") assumerà la forma di schede di controllo, ripartite in sezioni che potranno essere modificate piacere dai singoli Stati membri.

II. Precisazioni sul "fascicolo"

Il "Fascicolo" comprende due capitoli

- Parte A - Manutenzione ordinaria e straordinaria dell'opera

- Parte B - Equipaggiamenti in dotazione dell'opera

Nel capitolo A - manutenzione dell'opera - si elencano sia i pericoli che eventualmente possono presentarsi nel corso di lavori successivi sia i dispositivi e/o i provvedimenti programmati per prevenire tali rischi.

Nella parte B - equipaggiamenti in dotazione dell'opera - compare un riepilogo della documentazione tecnica a cui si aggiungono istruzioni per interventi di emergenza.

Il "controllo" viene definito compiutamente nella fase di pianificazione ed eventualmente modificato nella fase esecutiva in funzione dell'evoluzione del cantiere. Dopo la "consegna chiavi in mano" dell'opera il "controllo" è aggiornato dal committente, nella fattispecie tutte le modifiche intervenute in un'opera nel corso della sua esistenza sono annotate nel capitolo C - dotazione.

III. Istruzioni per la redazione e la compilazione del "fascicolo".

Per la parte A - " .... manutenzione dell'opera":

Per le voci corrispondenti il formulario assume la forma di schede di controllo, compilate separatamente per i lavori di revisione (parte A.1) e per i lavori di sanatoria e di riparazione (parte A.2).

Nell'intestazione della scheda à riportata la denominazione dell'opera. Generalmente tali schede di controllo si prestano non soltanto per le costruzioni di edifici ma anche per la costruzione di ponti, dighe e altre opere di ingegneria civile.

Nella parte A.l come pure nella parte A.2 le colonne 1, 2, 3, 4, 6, 7 e 8 sono compilate già nella fase di pianificazione, mentre la colonna 5 può esserlo anche in tale fase, previo accordo da parte del committente, ma normalmente va compilata all'atto della "consegna chiavi in mano".

Le schede di controllo relative alle parti A.l e/o A.2 differiscono unicamente nella colonna 1. Le colonne restanti conservano lo stesso titolo. Mentre nella parte A.l - "lavori di revisione" - la colonna 1 riporta l'elenco dei vari compartimenti dell'opera, nella parte A.2 - "lavori di sanatoria e di riparazione" - vengono indicati tutti i corpi di mestiere che possono interessare in tale campo i singoli compartimenti. Questo tipo di elenco dei corpi di mestiere trova la sua logica giustificazione nella possibilità di individuare immediatamente gli eventuali rischi indotti da futuri interventi e nello stesso tempo di offrire soluzioni specifiche idonee. Contemporaneamente si ottiene un quadro di insieme più rispondente, nel senso che nella colonna 5, alle voci corrispondenti ai lavori da affidare ai singoli corpi di mestiere si affianca il nominativo delle imprese incaricate di tali lavori.

Gli elenchi riportati nella colonna 1 del presente documento sono puramente indicativi e non pretendono affatto di essere esaustivi.

Nella fase di adozione del fascicolo, gli Stati membri hanno la facoltà di ampliare o di riordinare il testo della colonna 1, qualora ritengano opportuno adattarlo alle consuetudini locali. Gli elenchi della colonna 1 vanno in ogni caso preordinati.

Per la fase di pianificazione, nelle colonne 2 e 3 occorre indicare gli eventuali lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria ritenuti indispensabili.

La colonna 4 riporta la cadenza di tali lavori.

I rischi connessi con tali lavori sono riportati nella colonna 6. Nel caso in cui i rischi indotti da lavori successivi risultino perfettamente individuati, sempre nella fase di pianificazione e di intesa con il progettista e il committente, si procederà alla definizione delle soluzioni da adottare per neutralizzare i rischi in oggetto.

Sulla base delle soluzioni adottate si dovranno dedurre idonei orientamenti e provvedimenti in materia di sicurezza, da registrare nelle colonne 7 e 8. Nella colonna 7 si riportano le misure atte a neutralizzare i rischi nonché la natura degli equipaggiamenti di sicurezza, che verranno incorporati nell'edificio o diventeranno di proprietà del committente. La scelta si effettua nella fase di progettazione. Le voci principali comprendono tutte le attrezzature di proprietà attuale o potenziale del committente, facenti parte di un catalogo di interventi da adottare per determinati lavori connessi con l'acquisizione di ponteggi, montacarichi, strutture protettive di volte e vetrate, oltre ad elementi incorporati quali ballatoi, pannelli per tetti piani o ancoraggi per ponteggi.

Nella colonna 8 sono indicate le attrezzature che il committente non intende installare od acquistare, ma che sono indispensabili per prevenire i rischi derivanti da futuri lavori. Anche queste attrezzature vanno previste in fase di progettazione. In questo caso si dovrebbe elencare tutta la gamma di prodotti presenti sul mercato, per offrire al committente una scelta adeguata. Esempi di attrezzature che possono essere ordinate in locazione sono i montacarichi e le passerelle.

Anche se il committente non prevede di effettuare con i propri mezzi i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, nella colonna 8 si registrano comunque tutte le attrezzature che, pur non essendo di proprietà del committente, si ritengono indispensabili per l'esecuzione di lavori futuri.

Si può lasciare alla ditta incaricata dei lavori la responsabilità di scegliere le attrezzature ausiliarie da adottare, purché le loro caratteristiche corrispondano ai criteri prefigurati nella colonna 8.

Considerando che il progettista è quello che meglio conosce le caratteristiche dell'opera, è preferibile affidare al medesimo la responsabilità della scelta dei provvedimenti di salvaguardia, delle attrezzature e degli elementi ausiliari nonchè della registrazione diretta o indiretta nelle colonne 7 e 8. Nella colonna 5 si indicano le ditte incaricate dell'esecuzione dei lavori. Nel caso in cui l'esecutore dei lavori sia lo stesso committente, quest'ultimo è tenuto a registrare il nominativo del responsabile dei lavori. Questa colonna deve essere completata all'atto della "consegna chiavi in mano" dell'opera che, fin dall'inizio della sua utilizzazione rientra nel regime che ne prevede la manutenzione ordinaria e straordinaria.

Si consiglia di lasciare spazio sufficiente fra le righe del testo poiché, in particolare per le colonne 5 e 8 è prevedibile che nel corso del tempo occorra portare delle modifiche.

Qualora l'opera subisca delle trasformazioni, con conseguente presenza di nuovi rischi, il responsabile di quel punto 10 della parte A sarà tenuto a registrare direttamente o indirettamente i rischi eventuali ed individuare le soluzioni atte ad eliminare tali pericoli. Nello stesso tempo occorre registrare le modifiche apportate all'opera nella parte C - "... - dotazione". Tale è la procedura da seguire per garantire un aggiornamento permanente del "fascicolo".

Parte B - "dati relativi agli equipaggiamenti in dotazione dell'opera".

Anche questa parte assume la forma di schede di controllo. Come nella parte B nell'intestazione figura la denominazione dell'opera.

Le colonne 1, 2, 3 e 4 sono compilate nella fase di progettazione e di esecuzione, mentre la colonna 6 è riservata alla registrazione di modifiche apportate nel corso della fase di esecuzione e della durata di vita dell'opera.

La colonna 1 va redatta con uno schema prefissato. Nel presente documento ad esempio compare una classificazione anche se non esaustiva. È lasciata ai singoli Stati membri la facoltà di modificare il testo della colonna 1 all'atto dell'adozione del fascicolo che tuttavia deve essere confermata in modo tale da riportare chiaramente tutte le documentazioni che interessano l'opera.

Nelle colonne 2 e 3 vanno spuntate le voci relative ai documenti effettivamente disponibili per l'opera. Qualora tali documenti non siano disponibili, occorre apporre una crocetta nella colonna 3. A questo punto esistono due possibilità. Qualora l'opera non sia corredata di tali dispositivi, occorre indicare "mancante" nella colonna 6, se invece tali dispositivi sono disponibili, ma mancano le corrispettive documentazioni, occorre indicare nella colonna 6 la voce "non disponibile".

Se si spunta la colonna 2, alla stessa altezza va registrato nella colonna 4 il numero del progetto o di repertorio e nella colonna 5 la località in cui si possono ritrovare le documentazioni sulla dotazione del cantiere. In caso di dislocazione o di trasformazione delle attrezzature, le documentazioni vanno citate nella colonna 4 e il luogo in cui sono conservate nella colonna 5. Nella colonna 6 è registrata la data delle modifiche con eventuali osservazioni.

Considerando che durante la durata di vita di un'opera in tutti i compartimenti possono verificarsi delle modifiche, è consigliabile prevedere spazio sufficiente per la registrazione.
 
 

IV Manutenzione dell'opera

IV A.3 Manutenzione ordinaria e straordinaria
dell'opera ............................................................ Revisione


per il compartimento
indispensabile
cadenza
ditta incaricata
rischi potenziali
attrezzature di sicurezza in esercizio
dispositivi ausiliari in locazione
osservazioni
 
si
no
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
1. Sul terreno del committente per i seguenti impianti                
a - gas
               
b - acqua potabile
               
c - fognature
               
d - vapore
               
e - elettricità
               
f - altri impianti di alimentazione e/o di scarico
               
g - aria compressa
               
h - impianti idraulici
               

 
Manutenzione ordinaria e straordinaria
dell'opera ............................................................Lavori di revisione

1
2
3
4
5
6
7
8
9
2. Nelle vie di circolazione                
a - strade
               
b - ferrovie
               
c - idrovie
               
3. In edifici o parti di edifici ................ (denominazione)                
a - verifica di singoli elementi, ad esempio
- cedimenti
- protezione anticorrosiva
               
b - tetti piani
               
c - tetti a forte inclinazione
               
d - facciate
               
e - locali chiusi che a causa dello spazio ristretto o della presenza di rischi dovuti a materiali pericolosi, corrente elettrica o irradiamento esigono criteri particolarmente rigorosi.
               
f - Attrezzature direttamente collegate con l'edificio, ad es
- pali per antenne
- colonne montanti sporgenti del tetto
- impianti parafulmine
- elevatori
- serbatoi a pressione
               
g - camini
               
h - dispositivi di sicurezza incorporati all'edificio per futuri lavori, ed es.
- ballatoi
- incastellature di sostegno
- ancoraggi per ponteggi

- dispositivi di sicurezza per lavori futuri non incorporati nell'edificio, ed es.
- montacarichi
- strutture protettive di volte vetrate
- parapetti provvisori
- passerelle

               

 
IV A.2 Manutenzione ordinaria e straordinaria
dell'opera ........................................................ Lavori di sanatoria e di riparazione

Compartimenti dell'opera con indicazione dei corpi di mestiere interessati
indispensabile
cadenza
ditta incaricata
rischi potenziali
dispositivi di sicurezza in esercizio
attrezzature ausiliarie in locazione
osservazioni
 
si
no
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
1. Sul terreno del committente nei seguenti impianti                
a - fognature
-lavori di sanatoria
               
b - altri impianti di alimentazione e di scarico
               
2. Nelle vie di circolazione                
a - strade
- lavori di sanatoria
               
b - trasporto su rotaie
- binari
- traversine
- segnaletica
               
c - vie d'acqua
               
d - uscite di emergenza e di salvataggio
- lavori di sanatoria
- opere esterne
               
3 Nell'edificio o in parti del medesimo ...

(denominazione)

               
a - camini
- pulizia dei camini
- lavori da lattoniere
- lavori in muratura
               
b - finestre
- pulizia
- pulizia vetri
- lavori da lattoniere
- persiane
- balconi
- imbiancatura
               
c - facciate
- pulizia
- pulizia vetri
- lastre in pietra naturale
- muratura
- impermeabilizzazione
- imbiancatura
- balconi
               
d - tetti piani
- impermeabilizzazione
- lavori da lattoniere
- pulizia
- impianti elettrici
- impianti parafulmine
- imbiancatura
               
e - tetti a forte pendenza
- ricoprimento tetto
- lavori da lattoniere
- impianti elettrici
- impianti parafulmine
               
f - grondaie nei tetti a forte pendenza
- pulizia
- tinteggiatura
               
g - locali chiusi che a causa dello spazio ristretto o della presenza di rischi dovuti a materiali pericolosi, corrente elettrica, o radiazioni esigono criteri rigorosi
- pulizia
- impianti elettrici
- lavori di saldatura
- impermeabilizzazione
               
h - attrezzature incorporate all'edificio ad es.
- pali per antenne
- impianti elettrici
- tinteggiatura
- elementi anticorrosione
- colonne montanti sporgenti dal tetto
- impianti parafulmine
- elevatori
- serbatoi a pressione
               
i - dispositivi di sicurezza incorporati all'edificio per lavori successivi ad es.
- parapetti provvisori
- impianti elettrici
- tinteggiatura
- pulizia
- pannelli provvisori
- protezioni anticorrosione
- ancoraggi per ponteggi
               
l - attrezzature di sicurezza per lavori successivi, non incorporati all'edificio, ad es.
- montacarichi
- strutture di protezione volte vetrate
- protezioni laterali
- passerelle
               

 
IV D.2 Dati relativi agli equipaggiamenti

in dotazione all'opera 


Documentazione per
disponibili
n° del progetto e/o di repertorio
posa (sito)
osservazioni
 
si
no
     
1
2
3
4
5
6
1. Attrezzature e impianti in esercizio sul terreno del committente (schemi delle dotazioni)          
a - gas
         
b - acqua potabile
         
c - fognature
         
d - drenaggi
         
e - vapore
         
f - corrente ad alta tensione
         
g - telecomunicazione
         
h - altri impianti di alimentazione e/o di scarico
         
2. Vie di circolazione ad es.          
a - strade
         
b - ferrovie
         
c - vie d'acqua
         
3. uscite di emergenza e di salvataggio          
4. edificio o parte dell'edificio .................
(denominazione)
         
a - struttura portante
- calcolo statico
- progetti esecutivi
         
b - descrittivi (materiali impiegati)
         
c - schemi facciate
         
d - ricoprimento e impermeabilizzazione tetto
         
e - protezione anticorrosione
         
f - impianti di ventilazione
         
g - impianti di riscaldamento e di acqua potabile
         
h - impianti del gas all'interno dell'edificio
         
i - impianti idrici all'interno dell'edificio
         
j - impianti fognari all'interno dell'edificio
         
l - antenne incorporate all'edificio
         
m - impianto parafulmine
         
n - impianto telefonico
         
o - sirene antincendio o impianti antincendio
         
p - schema delle uscite di emergenza e di salvataggio nell'edificio